Besenello in breve

Compèt, Dietrobeseno, Acquaviva, Golla, Màsera, Ondertòl, Posta Veccia, Sottocastello. Besenello è un piccolo centro della Vallagarina situato a metà strada fra Rovereto e Trento. È conosciuto soprattutto per il Castel Beseno che lo sovrasta, a cui si accede sia dal centro del paese che dalla S.S. n. 350 per Folgaria. Gode di clima particolarmente temperato grazie all'ottima esposizione geografica in un quadrangolo di strade tra campi messi a vite e frutteti, in un soleggiato anfiteatro.

È centro agricolo, industriale ed artigianale e vi si producono uva da tavola, vino (tra cui il celebre Moscato) e frutta.
Il luogo è di colonizzazione preistorica; sono stati rinvenuti oggetti dell'età del bronzo e romana e barbarica. Il nome significa piccolo Beseno, dal nome del soprastante colle, luogo fortificato fin dalla preistoria, e comprendeva il castello, la pieve (documentata fino dal XIII sec.) e la gastaldia evolutasi in giurisdizione. Il toponimo Besenello compare nel XV secolo ad indicare un'unica comunità con la vicina Calliano, divisa nel secolo scorso, poi nuovamente riunita in epoca fascista e definitivamente distinta nei due comuni nel 1947. Da nominare per la visita, oltre al castello, la chiesa di Sant'Agata, già conosciuta nel 1205, che accoglie anche due grandi pietre tombali dei Trapp, signori di Castel Beseno, e la chiesa di S. Marina di struttura romanica (sec. XIII). Esempi di architettura rustica con le cosiddette "ere" (aie) sono visibili lungo la strada principale che attraversa il paese, ma anche in quelle laterali.

Lunedì, 04 Marzo 2013 - Ultima modifica: Lunedì, 08 Febbraio 2016