La felicità del ritorno e altri sorrisi

Il Comune di Besenello, con il sostegno della Comunità della Vallagarina,

è lieto di invitarvi

SABATO 8 DICEMBRE - ORE 20.30

presso il TEATRO PARROCCHIALE DI BESENELLO a

“La felicità del ritorno e altri sorrisi” di Carmine Abate

Spettacolo letterario-musicale con la voce narrante di Carmine Abate e le musiche originali di Cataldo Perri e Lo Squintetto

“La felicità del ritorno e altri sorrisi” di Carmine Abate è una grandiosa epopea, che abbraccia quattro generazioni di una famiglia italiana, più di un secolo di storie e tre continenti. E racconta i destini – più che mai attuali - di coloro che lasciarono le sponde del Mediterraneo per cercare fortuna altrove, approdando nella “Merica Bona” e poi nel Nord Europa e nel Nord Italia. Scandita da una lingua ricca, fedele all’impasto pieno di sapore che da sempre caratterizza la prosa di Abate, e insieme sorretta da un ritmo incalzante, cinematografico, sulle pagine prende forma un’indagine narrativa corale che ha il passo serrato di un giallo, ma che è soprattutto un appassionato apologo sulle partenze e i ritorni, sugli strappi e i sotterranei legami tra le generazioni, sui tempi della vita e sull’amore che può sopravvivere alla morte.
Tra i personaggi memorabili spiccano una giovanissima Marilyn Monroe ed Andy Varipapa, il più grande giocatore di bowling di tutti i tempi, originario di Carfizzi (KR), il paese natale dell’Autore.
Nella trama avvincente di questa storia, Carmine Abate innesta con maestria anche altre storie tratte dai suo ultimi libri (Il banchetto di nozze e altri sapori e Le rughe del sorriso) e dai suoi romanzi più famosi, come “La collina del vento” (Premio Campiello, Oscar Mondadori 2018), e “La festa del ritorno”(Premio Selezione Campiello, Oscar 2018), dando vita a un originale spettacolo letterario-musicale di grande fascino e suggestione.

Le letture avvincenti di Carmine Abate danno voce ai personaggi e ai percorsi emozionali della sua anima sempre in bilico tra passato e futuro, tra padri e figli, tra radici antiche e germogli nuovi, fra rabbia e amore, fra sogni e fallimenti, tra ritorni e partenze, tra accoglienza e razzismo.
Il musicista Cataldo Perri entra nel corpus letterario con musiche sinuose e sanguigne, solari come i paesaggi calabresi ed ombrose come gli occhi dei migranti. I brani, accompagnati alla chitarra battente, sono composizioni originali di Perri ispirate proprio ai lavori letterari di Abate. La battente, nobile strumento della tradizione popolare del sud Italia, è suonata da Perri con una tecnica peculiare e tesse, per tutto lo spettacolo, un tappeto sonoro che riverbera dell’antica memoria mediterranea. La parola e la musica per raccontare un sud epico ed etico che lotta con dignità contro i soprusi di ogni genere e che spesso è costretta a emigrare, come i personaggi di Carmine Abate, per dare un avvenire dignitoso ai figli.

Carmine Abate: voce narrante
Cataldo Perri : voce e chitarra battente
Enzo Naccarato: fisarmonica
Checco Pallone: chitarra e percussioni
Piero Gallina : Lira calabra e violino

Carmine Abate è nato nel 1954 a Carfizzi, un paese arbëresh della Calabria. Emigrato da giovane ad Amburgo, oggi vive a Besenello. Come narratore, ha esordito in Germania con Den Koffer und weg! (1984). Ha pubblicato due libri di racconti, Il muro dei muri (1993) e Vivere per addizione e altri viaggi (2010), la raccolta di “poesie & proesie” Terre di andata (1996 e 2011), il saggio I germanesi (1986 e 2006) con Meike Behrmann, e i seguenti romanzi, ora tutti in edizione Oscar Mondadori: Il ballo tondo (1991), La moto di Scanderbeg (1999), Tra due mari (2002), La festa del ritorno (2015), Il mosaico del tempo grande (2006) e Gli anni veloci (2008), Il bacio del pane (2013), La collina del vento (Vincitore del premio Campiello 2012), La felicità dell’attesa (2015), Il banchetto di nozze e altri sapori (2016). Il suo primo romanzo, Il ballo tondo, è stato scelto tra i 100 romanzi memorabili del ‘900 italiano ed è uscito nelle edicole in un’edizione speciale il 6 maggio 2016. I suoi libri, vincitori di numerosi premi, sono tradotti in Francia, Stati Uniti, Germania, Olanda, Grecia, Portogallo, Albania, Kosovo, Giappone e in arabo. Il suo paese d’origine, Carfizzi, gli ha dedicato il “Parco Letterario Carmine Abate”, il primo in Italia intitolato a uno scrittore vivente.

Cataldo Perri ha pubblicato il disco Rotte Saracene (edizione Rai trade) utilizzato spesso quale commento sonoro di molte trasmissioni Rai (Linea blu- Sereno Variabile- Geo e Geo). La Tarantella di Cariati dello stesso cd è stato utilizzata per lo spot dalla pasta Divella sulle reti Rai. Autore dello spettacolo di teatro musicale Bastimenti (ospitato al Coliseum Teatro di Buenos Aires, a Singapore, alla Peace University di New York, Stoccarda…) e dell’omonimo cd a cui hanno collaborato Armando Corsi, Mario Arcari e Beppe Quirici (già collaboratori di Fossati e De Andrè). Nel 2011 ha pubblicato il disco Guellarè per cui ha ricevuto il Demo award come miglior etno disco dell’anno per la trasmissione Demo – Radio Rai uno di Michael Pergolani e Renato Marengo.

Lo Squintetto: Piero Gallina, Enzo Naccarato, Checco Pallone sono gli straordinari musicisti che accompagnano Perri in concerto.

Sabato, 08 Dicembre 2018